?

Log in

   Journal    Friends    Archive    Profile    Memories
 

presenzio

Jan. 24th, 2005 04:44 pm caos

quando una stanza è troppo incasinata per metterla in ordine, quando una ex-relazione è troppo sofferta per recuperarla, quando i pensieri sono troppo ingarbugliati per avere un'idea..

allora dovresti stare un pò tranquillo da solo e smettere di conoscerne altre di anime gemelle da una notte..

musica: aprés la classe - libero liberi libera

"come il cielo è di nessuno, non importa esser qualcuno,
vorrei volare, dentro quel sole,
perso nel vento, nell'istinto naturale.."

3 comments - Leave a comment

Jan. 24th, 2005 03:34 pm aperitivando

comunque ieri, lo ammetto, sono tornato dalla cameriera e le ho detto "guarda, se fossi di milano, farei i salti mortali per conoscerti.."
è arrossita, ha abbassato lo sguardo, ha ringraziato, l'ho salutata.

e perchè tutto questo? forse perchè non sopporto l'idea che una ragazza così guardandosi allo specchio possa dire a uno sconosciuto, che schifo che sono oggi..
o più sinceramente le ho detto la verità.

Current Mood: pericoloso
Current Music: aprés la classe - sud-est

5 comments - Leave a comment

Sep. 19th, 2004 04:34 am piccoli addii

quando anche il task manager si pianta..
è ora!

musica: cramberries - stars
(su all music)

1 comment - Leave a comment

Sep. 17th, 2004 12:18 pm viaggio stellare

antok45, dove si và?
che abbiamo la malmostosa alla parte tecnica..

testCollapse )

Current Music: barry white - anymore (???)

6 comments - Leave a comment

Sep. 16th, 2004 01:05 pm nuova stagione

ieri sono uscito dalla vacanza mentale in cui ero concesso di dilungarmi e ho fatto due cose nuove del mio nuovo mezzo di anno:
ho spedito due curriculum
ho iniziato la stagione aperitivi/vita sociale

il risultato è stato un appuntamento e una risposta che ha un che di straordinario:
"> Le comunichiamo di avere esaminato il suo Currriculum vitae , ma al
> momento non siamo in grado di proporle un inserimento presso la nostra
> organizzazione.
> Tuttavia il suo profilo di competenze , rilevate da CV , è senz'altro
> interessante e coerente con le attività da noi svolte.
> Sarà pertanto nostra cura contattarla non appena si determineranno
> condizioni operative favorevoli e finalizzate.
> Cordiali saluti "

la trovo geniale, educata e politically-correct. nulla che dire, a parte che i ">" indicano che è stata copiata in un reply.. persino nome e ruolo aziendale erano nel reply..
visti che hai fatto trenta, sforzati di pulire quei caratteri iniziali di inizio riga.. oppure (visto che sei un azienda informatica) non usare il reply, ma copia dal messaggio originale (il buon vecchio ctrl+c/ctrl+v.. in un epoca di clickettari!)
vabbè e poi sono andato all'aperitivo. e un mojito e due caipirissima col brugal mi hanno aiutato a notare che i giovani di torino di fronte all'avanzata della nuova stagione si dividono in due categorie (per la gioia di chi ama dividere in categorie..): i maschietti, pragmatici, oramai rassegnati all'avanzata del cambio stagionale, quindi armati di pantaloni lunghi, camice e talvolta giacche; le femminucce, restie ai cambiamenti repentini e orgogliose anche della minima abbronzatura estiva, rigorosamente in gonna leggera o corta e immancabile top, a volte minimale e volte lungo, ma mai tanto da coprire l'oggetto fetish dei desideri di questi ultimi anni: l'ombelico.
do it! (qualcuno è stato catturato da un amico per andare a vedere "starsky & hutch"? lo so non lo ammetterete mai!)
e poi annebbiato leggermente ho percorso tutta via po fino al regio, dove ho visto "l'opera da tre soldi" comunemente conosciuta perchè vi partecipa paolini come voce narrante (15 minuti in tutto), ma soprattutto perchè c'era ensemble-modern orchestra.. che cantassero in tedesco non sottotitolato e il libretto l'ho recuperato solo nel secondo tempo, non è stato un dramma.. ho chiuso gli occhi e assaportato le suggestioni.
pizza nel nuovo locale di chiambretti.
e poi voler un punch caldo al mandarino e chiederlo in un locale ggiovane e accettare la controproposta del barista, e rimanerne piacevole sorpresi gustandoselo.. lime spremuto, rum, cannella, soda, il tutto servito caldo..
nanna.

nota a margine. che i subsonica occupino allegramente lo spazio tra il bancone e il buffet, non è pregio per il locale (secondo me). e poi il saluto non è necessario.. (come farti capire che so chi sei.. è inutile che mi guardi da bitonto, fammi passare) che poi le spallate arrivano non temere..

Current Music: andre 3000 - love hater

3 comments - Leave a comment

Sep. 14th, 2004 06:31 pm intro fuori tempo.

a torino c'è un clima amazzonico.
ho sonno.
c'è la pioggerella fine e insistente,
e foschia. odore di nebbia.
sembra di essere in amazzonia.
ci stava, un gorilla in lontananza che saltella tra i tetti
e si arrampica sui pali, dove poi urla il suo richiamo.
e io intanto mi mangio una banana.

Current Music: uh uh! uh uh! aaaAAAAaaaAAaaaa!

5 comments - Leave a comment

Sep. 8th, 2004 10:27 am leentamente

agli amici nuovi di qua e agli amici nuovi di la (che si ignorano..)

uffa!
sono in dietro con i post scritti, quelli da rispondere, quelli dei friends, ho chili di mail da rispondere e da scrivere, un numero imprecisato di persone da salutare, una festa di ritorno vacanze da organizzare, numerosi sms a cui rispondere, e persone da vedere al più presto, progetti da verificare che siano effettivamente chiusi, un lavoro da cercare, un ufficio da spostare, pile di carta da suddividere, giga di dati da organizzare, manuali da finire, progetti da cominciare, oggetti da comperare, metri quadrati da pulire.. e quant'altro ora chiaramente non ricordi..
e invece mi muovo lentamente, ma leento proprio.. mi fa rabbia il caos che mi regna dentro, esplosivo e pieno di vita tanto da smontare l'idea di azione.
eppure rallento, come a gustarmi questo momento ancora un po'.. sarà una mozzarella della pubblicità o semplicemente una nuova rinascita, però anche se mi fa rabbia non riuscire a trasmettere la forza di questa sospensione, il mio pensiero si ritrova nelle preoccupazioni per i nuovi amici che si sono avvicinati e aspettano.
io ci sono, è solo che ora sono.. sospeso.
ora metto i piedini sui pedali e guardo qualcuno per ricordarmi il senso di rotazione.. ma nel frattempo mi gusto il momento, in un intimità ritrovata con me stesso che non fa paura se non a chi non la conosce.

Current Music: rino gaetano - ahi maria

6 comments - Leave a comment

Sep. 7th, 2004 07:16 pm un'immagine-indice

ma sì che mi ispiro!

# indice #
alla fine sono passate cinque settimane.
e la mia pelle non le tace queste cose.
sono partito con un programma, che è stato abbondantemente modificato, ma in realtà ha subìto solo aggiunte..
volevo una vacanza all'insegna del contatto con la parte giocherellona e cazzeggiante.
ho visto un bambino scuro e ridente, accessoriato con costumino slip e perennemente a piedi nudi, che ha costruito un trullo di sabbia di circa un metro e mezzo..
quel bimbo ero io, e quella è l'immagine finale che riassume lo spirito che mi ha accompagnato.
e una sequela di non [la vita è abitudine?]
non mi piace il costume a pantaloncino, rendi ridicola l'abbronzatura, e via di slip, saranno fuori moda o da piscina, ma sono i miei. che poi ne avessi uno di due taglie superiore e mi ostinassi a usare quello, son dettagli.
non mi piace prendere il sole, mi annoio, non puoi fare niente. quest'anno ho risolto: ipod a manetta. otto ore di musica selezionata al giorno. che il colore della mia pancia lo dimostra. non che sia un assoluto, ma di certo è un primato per la mia nordica carnagione.
non sono mai riuscito a camminare scalzo, a portare le infradito o le scarpe aperte, anzi non ho passato un'estate senza calzini (buuhh dalla curva..). certo che non sono bianchi i calzini! il problema è che ho i piedini delicati, quindi abituarmi ad ogni scarpa è una tragedia per mesi.. non parliamo di camminare sulle rocce o sulla ghiaietta. problema risolto alla radice. niente scarpe dal primo giorno.. e difatti camminavo su rocce, pietre, arbusti e quant'altro.. appena tornato ho provato a riusare le ultra rodate camper (le scarpine della felicità!) e tac.. vescica. ma sull'onda del motto "io non cago i miei piedi" non è stato un problema, nonostante il pellegrinaggio.
non ricordo a memoria di aver costruito nulla in sabbia negli ultimi vent'anni.. e a trovarsi con tanti colleghi architetti e ingegneri, è venuta la voglia di costruire a suon di "il delta della sabbia umida..". il risultato è stato garantito dalla partenza: due maschietti con tanto di mogli in topless, bimbi senza guinzagli e ombrellone, hanno imprecato numerosamente per avergli "inumidito" il manufatto di vaga somiglianza azteca a cui si stavano dedicando.. alla terza volta (visto che il resto della spiaggia non si lamentava minimamente del divertente spettacolino di "chi butta prima chi altro in acqua e coinvolgendo quanti ombrelloni"..) ci siamo ritenuti offesi, ci siamo guardati negli occhi io e il mio amico e abbiamo ritenuto motivato sprecare energie utili per la sera per produrre qualcosa di decisamente più ingombrante (tanto per non limitarsi a spiegargli che le "piramidi azteche" hanno un'altra struttura, scalinate, ecc.). abbiamo recuperato secchielli dalle mamme vicine e abbiamo cominciato. e visto che siamo tanto disorganizzati nella vita quanto meticolosi nella vendetta abbiamo realizzato un impresa mastodontica, con doppi turni per avvicinare la sabbia, abbiamo costruito un laghetto ai piedi della costruzione che si autoalimentava con le onde (al posto di andare nel mare, avevamo sabbia umida e acqua in quantità) abbiamo spianato la sabbia attorno e segnato una base di quasi due metri di diametro, e via con la sabbia.. che con tanta passione da due abbiano coinvolto due bambini, altri tre amici e un discreto pubblico non pagante. alla fine il trullo ha svettato con le sue due palline in punta e un cuore trafitto sul tetto.. foto di rito, bagno rinfrescante (ma comunque rissoso..) e poi abbiamo "seduto con decisione" il mio socio proprio sulla punta, consegnandogli il privilegio della distruzione.. che alla fine cinque anni non li abbiamo, se non altro per la conoscenza dell'anatomia umana..

musica: Johann Sebastian Bach - Anner Bylsma - Suites for violoncello solo (BWV 1010-1012) - Suite No.5 in c, BWV.1011 - Gavotte I-II

3 comments - Leave a comment

Sep. 6th, 2004 03:09 pm di ritorno

..come quando uno si pulisce gli occhiali sporchi e rimettendoseli esclama:
"buongiorno mondo!"

Current Mood: senza parole, forse con troppe
Current Music: san salvador / morna / carte da decifrare / hallelujah / ..

15 comments - Leave a comment

Aug. 3rd, 2004 11:35 am ..che basta un filo di vento

vacanza.
buone cose a tutti.


ivano fossati - naviganti

siamo stati naviganti
con l'acqua alla gola
e in tutto questo bell'andare
quello che ci consola
è che siamo stati lontani
e siamo stati anche bene
e siamo stati vicini
e siamo stati insieme.

siamo stati contadini noi due
senza conoscere la terra
e piccoli soldati
senza amare la guerra,
ci hanno mandati lontano
senza spiegarci bene
e siamo stati male,
ma siamo ancora insieme.

grandi corridori di corse in salita
che alzavano la testa dal manubrio
per vedere se fosse finita,
allenati alla corsa
allenati alla gara
e preparati a cadere
e a tutto quello che s'impara,
innamorati della sera
innamorati della luna
conoscitori della notte
senza averne paura,
innamorati di quel fiore
che non vuole mai dire:
ecco, è tutto finito
e bisogna partire.

ma ora è il momento
di mettersi a dormire
lasciando scivolare il libro che
ci ha aiutati a capire
che basta un filo di vento
per venirci a guidare
perché siamo naviganti
senza navigare
mai.


ps. tralascio che parto tra un ora per un mese in giro per l'italia e devo ancora cercare lo zaino. ma ho stampato tutti gli orari e ho fatto un serio elenco di cose che dimenticherò (in cima c'è lo spazzolino!)..

Current Music: ivano fossati - naviganti

3 comments - Leave a comment

Back a Page